Analisi del sito 2015

Ecco il rapporto annuale di com’è andato il nostro sito nel 2015!

IMG_20151219_184206.jpg

Ecco un estratto:

La sala concerti del teatro dell’opera di Sydney contiene 2.700 spettatori. Questo blog è stato visitato circa 12.000 volte in 2015. Se fosse un concerto al teatro dell’opera di Sydney, servirebbero circa 4 spettacoli con tutto esaurito per permettere a così tante persone di vederlo.

Clicca qui per vedere il rapporto completo.

Porte Aperte alla Mieleria

Grazie mille a tutti per essere venuti a trovarci domenica 29 Dicembre alla Mieleria!è stata una giornata bellissima!
Per chi non c’era e per chi vuole ritornare, porte aperte alla ‪#‎mieleria‬ ‪#‎novatemilanese‬ :
Sabato 5 dicembre dalle 15 alle 17
Martedì 8 dicembre dalle 15 alle 19
Domenica 13 Dicembre dalle 15 alle 19
Domenica 20 Dicembre dalle 15 alle 19

Vi aspettiamo!
La mieleria è in via edison 53 a Novate Milanese

Questo slideshow richiede JavaScript.

Grande Apertura della Mieleria

mieleria_apertura_piccoloGrande apertura della Mieleria di città, a Novate Milanese!
Domenica 29 novembre dalle 15.00 alle 20.00!
Venite a trovarci e a scoprire come si fa il miele!

Ecco cosa potrete trovare:
– Degustazione mieli/honey bar
– visita al laboratorio e prova di smielatura
– confezioni regalo
– proiezioni
– libri selezionati sul tema dallo Spazio B**K
– il banchetto mobile di SherpaBikeTrailer
e vi offiamo anche l’aperitivo, a base di miele ovviamente!

p.s. grazie a Dani Bonsaininja Studio per il volantino bellissimo!

Stop Motion, dietro le quinte!

Dietro le quinte del nostro Stop Motion!

No Bees No Life !

Al Mercato Contadino

Il 1° novembre 2015 saremo all’arco della pace/Parco Sempione a Milano al mercato contadino e delle autoproduzioni organizzato da Genuino Clandestino in occasione dell’incontro nazionale.
Vi aspettiamo, venite a trovarci!
‪#‎mercatocontadino‬ ‪#‎genuinoclandestino‬

Se vuoi saperne di più di genuino Clandestino e dell’incontro nazionale leggi tutto il programma alla pagina http://genuinoclandestino.it/

GC Milano-pieghevoleA4-1

Smielando Acacia alla mieleria!

IMG_20150612_131556Eccoci nella mieleria con la prima smielatura dell’anno, l’Acacia! Prima di inaugurare la mieleria dobbiamo dedicarci infatti al lavoro di smielatura, il miele prima di tutto!

Stiamo sistemando il laboratorio, ma i macchinari sono già arrivati: smielatore, filtri, tavolo e forchette per la disopercolatura, deumidificatore, maturatori, sgocciolatoio, muletto, bancali, torchio …

C’è tanto da fare anche una volta portati i melari nel laboratorio. Il lavoro IMG_20150612_114509di smielatura inizia dapprima con la deumidificazione, ovvero si deumidificano i telaini pieni di miele per qualche giorno per togliere l’umidità residua. Poi si disopercola telaino per telaino, ovvero si toglie la cera che copre gli opercoli aiutandosi con una forchetta apposita. Una volta disopercolato si inseriscono i telai nello smielatore che tramite forza centrifuga fa fuoriuscire il miele. Il miele che defluisce dallo smielatore in un secchio si versa quindi nei maturatori facendolo passare da un filtro che trattiene i residui di cera. A IMG_20150612_115020questo punto il miele è pronto, si lascia riposare per qualche giorno/settimana e poi si può invasettare!

Meno male che ci sono gli amici appassionati che vengono a darci una mano e scoprire la bellezza di questo lavoro!

PicsArt_1434312735075

La nostra impresa eccezionale!

vale_pablo_impresaLa nostra impresa eccezionale, da amatori a piccola impresa! Sta infatti nascendo l’Azienda Agricola FeFa, (Ferrarese Family), per la produzione e la vendita de “il miele di Leo“. Presentata a Radio Popolare nella trasmissione “L’Impresa Eccezionale” che ci ha accolto e ci ha dato spazio! Potete ascoltare qui la trasmissione!

puntata del 4 maggio 2015

puntata del 30 luglio 2015

E qui il link al Blog dell’Impresa Eccezionale

Vespa Velutina, apicoltura in pericolo!

vespa_velutina_confrontoLa Vespa velutina, introdotta in Francia nel 2005, è arrivata dall’anno scorso anche in Italia! Di origine asiatica questa vespa è una grandissima minaccia per l’apicoltura, ma non solo, questa vespa è una minaccia anche per la frutticultura ed è pericolosa anche per l’uomo.

velutina_capoSettimana scorsa, il 26 febbraio 2015, abbiamo partecipato alla CIA di Vercelli ad un seminario specifico sulla Vespa condotto dal Dott. Porporato del DISAFA (UNITO) e dal tecnico di ApiLiguria Zagni.

Cerchiamo di riassumere qui le parti importanti per il riconoscimento della Vespa velutina, in quanto ora è importantissimo il monitoraggio e segnalare un eventuale presenza il velutina_altoprima possibile.

Per riconoscere la Vespa velutina e non confonderla con la nostrana Vespa crabro : Il torace è di colore bruno scuro tendente al nero. I primi tre tergiti addominali (l’addome) di colore bruno scuro con il margine posteriore di colore giallo o giallo – rossastro, il quarto tergite quasi interamente di colore giallo- rossastro, nido primariol’estremità dell’addome è bruno-rossastra.
Le zampe sono scure, tranne i tarsi (le parti inferiori) di colore giallo quasi brillante. La parte frontale della testa è di colore giallo aranciato. Le antenne sono di colore nero nella parte superiore e bruno in quella inferiore. Le Operaie, hanno una lunghezza di19-29 mm e un’apertura alare di 37-49 mm.

800px-Vespa_vélutinaI nidi di Vespa velutina : Possono trovarsi da terra fino ad un altezza di circa 25 m. A terra si possono trovare in mezzo a legna, detriti, ondulati di tettoia, ecc. Il nido così detto primario, dove sverna la regina, si può scovare a inizio stagione (primavera) ed è dove la regina solitaria deve procurarsi il cibo (frutta, sostanze zuccherine) per iniziare a deporre le uova dalle quali nasceranno le vespe operaie che si dedicheranno ad aumentare le dimensioni del nido.vespa_velutina_nido
Il nido primario è di dimensioni pari circa ad una pallina da golf e ha un solo foro di ingresso in basso, perpendicolare al terreno.
Il nido ampliato dalle operaie nate in primavera arriva a misurare anche 60 cm (vedi foto di apiliguria) e il foro di uscita si sposta di lato quasi parallelo al terreno.

A fine stagione la regina prima che le operaie muoiano, mette al mondo circa 300 nuove regine che vanno a costruirsi il loro nido per passare l’inverno e ricominciare così il ciclo alla prossima primavera. Per questo la cosa più importante sarebbe scovare i nidi primari per fermare l’avanzata della vespa, è infatti da questi, ovvero dalle regine, che l’espansione si moltiplica anno dopo anno in maniera vertiginosa.

Per il monitoraggio si consiglia di posizionare delle trappole fatta con una bottiglia di plastica con un tappo che si usa anche per la mosca dell’ulivo (potete vedere il modello nel dossier vespa velutina di Aspromiele) all’interno della bottiglia si usa birra chiara al 4,7 % di gradazione alcolica poichè non è selettiva per le api, ma attira diversi insetti tra cui le vespe. Una volta posizionata ogni 15 giorni bisogna rovesciare il contenuto all’inerno di un colino e visionare gli insetti. La bottiglia si può riutilizzare varie volte.

Importanissimo quindi segnalare eventuali avvistamenti e/o prese, se possibile con fotografie e geolocalizzazione, sul sito www.vespavelutina.eu

Potete trovare molte informazioni sulla Vespa velutina ai seguenti siti :

Ente CRA – unità di ricerca di apicoltura e bachicoltura

Università di Torino – dipartimento di scienze agrarie, forestali e alimentari

Aspromiele – speciale vespa velutina

Aspromiele – dossier vespa velutina

Altro sito per le segnalazioni : velutina-segnalazioni

Video di ApiLiguria che mostra la Vespa velutina all’attacco

** Il materiale fotografico qui inserito è stato preso dalle fonti sopracitate al solo scopo di sensibilizzare sulla Vespa velutina